Il Pignarûl “Fugarele”

 


La Fugarele “Pignarûl”è uno dei più antichi riti friulani. La Fugarele “Pignarûl” sembrerebbe legato all’adorazione di Beleno (o Belanu), divinita protoceltica. Beleno era uno dei principali Dèi per il quale si eseguivano sacrifici e riti collegati al sole. Tra questi riti c’era l’accensione del falò forse anche in onore della sua compagna ,Belisma ,Dèa del fuoco. Il significato dei fuochi è da ricercare negli antichi riti propiziatori e di purificazione Celtica, in molti casi le ceneri venivano poi sparse nei campi, per allontanare maledizioni e garantire,abbondanti raccolti.

Nonostante la cristianizzazione del Friuli, questa usanza non si perse, anzi durò attraverso i secoli. In tempi più recenti, il falò veniva benedetto dal parroco con l’ acqua Santa e lo scoppiettare del fuoco identificato dalla comunità come la fuga del demonio. Si tratta di uno spettacolo di grande suggestione,difatti 5 e 6 Gennaio il Friuli viene illuminato da centinaia di falò.

La Fugarele è un’ alta catasta fieno la preparazione della catasta viene svolto dai i giovani del paese molti mesi prima recuperando tutto il fieno possibile per poi il 6 Gennaio realizare la Fugarele. Il rito del fuoco è un momento conviviale, che vede tutta la comunità unita intorno alla Fugarele . Intorno al fuoco si balla e si canta o semplicemente si sorseggia un po’ di vin brulè per riscaldarsi dal pungente freddo invernale. La direzione del fumo, una volta accese la Fugarele, non è indifferente.

Un antico proverbio friulano dice: “se il fum al va a soreli a mont, cjape il sac e va pal mont; se il fum invezit al va de bande di soreli jevât, cjape il sac e va al marcjât” (Se il fumo va a occidente, prendi il sacco e va per il mondo; se il fumo invece a oriente, prendi il sacco e va al mercato). La direzione di un buono o cattivo anno. In alcune zone del Friuli questo rito è chiamato in modo diverso, oltre a Fugarele viene chiamato:Pignarul, Panevin, Foghere, Fogoron, Fogarn, Foghera, Fugarizze, Boren.

 

PAR FURLAN

La Fugarele 'Pignarûl' al è un dai rîts furlans plui antîcs. Lis sôs lidrîs a podaressin jessi peadis al cult dal diu Belen, antighe divinitât celtiche, che in so onôr si fasevin sacrificis e rituâi leâts al soreli.
Ta chescj rituâi si piavin ancje fûcs, forsit ancje pe sô compagne Belisama, divinitât dal fûc. I fûcs a saressin duncje ce che al vanze di rîts celtics di auguri e di purificazion cu la cinise che po e vignive butade pai cjamps par slontanâ il mâl e par puartâ ricueltis bondantis.

Cundut de ciristianizazion dal Friûl cheste usance e à durât intai secui par rivâ fin a vuê. Plui di resint, cualchi pignarûl al jere benedît dal predi cu la aghe sante di mût che il cricâ des flamis al vignive sintût come il rumôr dal diaul che al scjampe.

Si trate di un spetacul che al inmaghe cun centenârs di fûcs che tra i 5 e i 6 di Zenâr a sclarissin la gnot ator pal Friûl. Il pignarûl al è preparât massime dai zovins dal paîs che a ingrumin fen e lens che a àn tirât dongje ancje setemanis o mês prime. Il rît dal fûc al è un moment comunitari, che al clame dongje dute la comunitât. Ator ator dal pignarûl dispès si bale e si cjante, o si bêf vin brulè par scjaldâsi dal frêt dal Invier.
Daûr de direzion des flamis e dal fum e ven lete tant che une indicazion se l’an al larà ben o mâl.

Cemût che al dîs une detule furlane “se il fum al va a soreli a mont, cjape il sac e va pal mont; se il fum al va a soreli jevât, cjape il sac e va al marcjât”. A seconde de aree dal Friûl là che chest rît si davuelç, il fûc al ven clamât cun nons diferents. In plui di pignarûl, di fat, si lu clame ancje panevin, fugarele, foghere, fogoron, fugarice, boren e v.i.